ADAMO BOVE….è il morto …ora fuori i nomi degli ASSASSINI …

27/9/2006 TGCOM

Intercettazioni, spiato il calcio

Dipendente Telecom: ‘Juve, Figc e Gea’

Ci sono anche la Juventus, la Figc e la Gea (la società di procuratori sportivi) tra gli intercettati finiti nel dossier segreto di Telecom sul mondo del calcio. A rivelarlo ai magistrati di Milano è stata una dipendente del gruppo, che ha spiegato come la richiesta le fu fatta l'11 febbraio del 2003 da Adamo Bove, il responsabile della security di Telecom suicidatosi a Napoli il 21 luglio scorso.

Era denominata 'pratica Como' quella che conteneva i tabulati telefonici, in entrata e in uscita, degli spiati. 'La documentazione che mi mostrate - ha spiegato la donna ai procuratori Nicola Piacente, Fabio Napoleone e Stefano Civardi come riportato da la Repubblica - è relativa agli sviluppi sul traffico telefonico su utenze intestate a Federazione gioco calcio, Enrico Cennicola, Football Management, Juventus Fc, Gea World. E' la pratica Como. Mi fu richiesta da Adamo Bove, ma non so che uso ne abbia fatto'.

Tra gli spiati anche le due figlie di Geronzi, Chiara (giornalista del Tg5 e ex-socia della Gea, sciolta un mese fa) e Benedetta (che lavora in Federcalcio).

La dipendente Telecom, però, ad un certo punto si insospettì. 'Cominciai a nutrire delle perplessità circa le richieste del dottor Bove su elaborazione dati, per utenze che poi risultavano in contatto con personaggi del mondo dello spettacolo, dello sport o di enti, quali il Banco di Roma. A causa di tali perplessità ho cominciato a conservare copia od originali delle richieste e degli elaborati'. Tra questi documenti, quelli con tutte le telefonate della Juventus di Luciano Moggi, la Gea ma anche del guardalinee Enrico Ceniccola, finito nell'inchiesta di Napoli per la partita Lecce-Juve 0-1. Alla domanda di chiarificazioni, Bove rispose 'picche'.

Nel verbale della donna, inoltre, si accenna a un certo Calipari (il suo nome figura in una e-mail), ma non viene specificato se si tratti dell'agente segreto Nicola Calipari, morto durante la liberazione in Iraq della giornalista Giuliana Sgrena.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.