BISCHE DI STATO CON DOPPIA FREGATURA PER TUTTI NOI….

Argomento tra i più insabbiati nella storia della nostra repubblica, volete dare un contributo anche Voi ?
HO GIRATO IL SEGUENTE TESTO A TUTTE LE MAGGIORI TESTATE GIORNALISTICHE, AI PARTITI, ALLE VARIE ASSOCIAZIONI….
NESSUN SEGNALE DOPO BEN 2 SETTIMANE….
complimenti servi ….
 
NOI CITTADINI ITALIANI NON CI MERITIAMO TUTTO QUESTO REITERARSI DI PORCHERIE PERPETRATE A NOSTRO ESCLUSIVO DANNO, GRAZIE OLTRETUTTO ALL’OMERTA’ DEI MEDIA !!!
QUANTI E CHI SONO I COMPLICI ED I CONNIVENTI ?
 
BISCHE DI STATO E RUBERIA IN GRANDE STILE
Due giornalisti del Secolo XIX di Genova, Menduini e Sansa, denunciano da tempo le imposte non pagate dai Monopoli di Stato.
Tenetevi forte, sono 98 MILIARDI DI EURO.
Dove sono finiti questi soldi? Ai partiti, alle Mafie, a privati cittadini?
Tangentopoli in confronto sembra una barzelletta e
Valentino Rossi un bambino che ha rubato le caramelle.
Visco se ci sei batti un colpo, dato che le federazioni dei Ds sono proprietarie di sale Bingo.
Fini e Alemanno, così impegnati sui costi della politica, dovrebbero chiedere informazioni
ai loro consiglieri delle società concessionarie delle slot machine da Bar.
Di seguito la lettera di Menduini e Sansa al signor Tino, direttore dei Monopoli di Stato.

Gentile dottor Giorgio Tino,
ci piacerebbe porgerle queste domande a voce, ma parlarLe sembra essere impossibile.

Da mesi La cerchiamo inutilmente, cominciamo quasi a dubitare che Lei esista davvero.
E dire che Lei avrebbe interesse a rispondere (oltre che il dovere).
Secondo il rapporto di una commissione di inchiesta parlamentare e secondo gli uomini della Guardia di Finanza infatti, tra imposte non pagate e multe non riscosse le società concessionarie delle slot machine devono allo Stato 98 miliardi di euro.
Sarebbe una delle più grandi evasioni della storia d’Italia.
Secondo la commissione e gli investigatori, questo tesoro sarebbe stato regalato alle società che gestiscono il gioco d’azzardo legalizzato.
Di più: nei consigli di amministrazione di alcune di queste società siedono uomini appartenenti a famiglie legate alla Mafia.
Insomma, lo Stato italiano invece di combattere Cosa Nostra le avrebbe regalato decine di miliardi di euro.
Con quel denaro si potrebbero costruire metropolitane in tutte le principali città d’Italia.
Si potrebbero comprare 1.000 Canadair per spegnere gli incendi.
Potremmo ammodernare cinquecento ospedali oppure organizzare quattro olimpiadi.
Si potrebbero realizzare impianti fotovoltaici capaci di fornire energia elettrica a milioni di persone oppure si potrebbe costruire la migliore rete di ferroviaria del mondo.
Da mesi noi abbiamo riportato sul nostro giornale, Il Secolo XIX, i risultati dell’indagine.
Decine di pagine di cronaca che non sono mai state smentite.
Secondo la commissione d’inchiesta, i Monopoli di Stato hanno gravi responsabilità nella vicenda. Non solo: la Corte dei Conti ha chiesto alle società concessionarie di pagare decine di miliardi di euro per il risarcimento del danno ingiusto patito dallo Stato.
E nei Suoi confronti, signor Tino, i magistrati hanno aperto un procedimento per chiedere il pagamento di 1,2 miliardi di euro di danni.
Ma Lei che cosa fa?
Tace e rimane al suo posto, come tutti i responsabili dei Monopoli,
dalla dottoressa Barbarito alla dottoressa Alemanno (sorella dell’ex ministro di Alleanza Nazionale).
E, cosa ancora più incredibile, tace il vice-ministro dell’Economia, Vincenzo Visco
(che da mesi ha ricevuto il rapporto della commissione di inchiesta), da cui Lei dipende.
Può spiegarci per filo e per segno che fine hanno fatto quei 98 miliardi di euro che secondo la Finanza sono stati sottratti alle casse dello Stato?
Finora Lei non ci ha mai voluto rispondere.
Forse conta sul sostegno del mondo politico.
Del resto la Sua poltrona è una delle più ambite d’Italia.
Pochi lo sanno, ma i Monopoli gestiscono il commercio del tabacco e del gioco d’azzardo legalizzato. Insomma, un tesoro, su cui i partiti si sono lanciati da anni: An ha suoi rappresentanti proprio nei consigli di amministrazione delle società concessionarie delle slot machine, mentre le federazioni dei Ds sono proprietarie di molte sale Bingo.
Così Lei può permettersi di tacere.
Ma chissà che cosa farebbe se a ripeterLe queste domande fossero decine di migliaia di visitatori di questo blog (l’indirizzo dell’ufficio stampa è: ufficiostampa@aams.it)?” Marco Menduni e Ferruccio Sansa
 
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.